Il Black Friday 2017 fatturerà 682 miliardi di dollari solo negli Stati Uniti

Milano, 21 novembre 2017 – È partito il conto alla rovescia per il Black Friday, la giornata di sconti e promozioni che segna l’inizio dello shopping natalizio, periodo cruciale per i retailer di tutto il mondo, capace di generare una crescita globale del 34%, come avvenuto nel 2016.
Se Black Friday e Cyber Monday fanno gola ai consumatori di tutto il mondo alla ricerca del miglior regalo a prezzo ridotto, per i venditori il periodo che dà il via allo shopping di Natale è capace di rappresentare il 30% delle vendite annuali. A dichiararlo è Salesforce all’interno del suo Holiday Readiness Report,stima che si basa sugli oltre 500 milioni di consumatori che acquistano sui siti che hanno scelto le soluzioni di Salesforce Commerce Cloud.


Dopo il successo della scorso anno che ha decretato il Black Friday come la più grande giornata di shopping online dell’anno generando +19% di fatturato rispetto al Cyber Monday e superandolo, Salesforce prevede un’ulteriore crescita per l’edizione 2017. Nel 2016 infatti, l’incredibile aumento degli acquisti nel comparto moda (+38% raggiunto solo dall’abbigliamento sportivo) durante la giornata del Black Friday, ha contribuito a sostenere l’espansione del “venerdì nero”, superando così anche le vendite del Cyber Monday sia negli Stati Uniti che in Canada, Francia, Germania e Regno Unito[1].


Se poi la spesa retail (online e offline) del 2016 negli Stati Uniti è stata di 656 miliardi di dollari (dati NRF), le vendite di quest’anno nei mesi di novembre e dicembre cresceranno di circa il 4%, stimando una spesa totale di 682 miliardi di dollari.

Secondo Salesforce, il Black Friday però darà “solo” il via allo shopping natalizio: se il 50% degli acquisti verrà completato entro il 3 dicembre, l’azienda stima chel’80% della corsa ai regali di Natale proseguirà fino al 15 dicembre, periodo durante il quale i consumatori cercheranno l’offerta migliore sperando che l’articolo non sia già esaurito[2].


Oltre alle offerte del Black Friday, Salesforce ricorda quelle del Cyber Monday. Dopo aver monitorato l’attività online degli acquirenti, l’azienda stima che lunedì 27 novembre gli acquirenti potranno acquistare a prezzi ulteriormente ribassati (29% di sconto sul prezzo di listino) beneficiando del più alto tasso di spedizione gratuita: un sorprendente 89% di articoli sarà spedito gratuitamente[3].


La corsa verso l’uso dei dispositivi mobili continua senza sosta, soprattutto durante la stagione di picco. Se poi nell’ultimo trimestre il 57% del traffico mobile si è convertito nel 34% degli ordini, dimostrando che l’intenzione di acquisto via smartphone è maggiore rispetto a quella via web (dati Shopping Index), Salesforce ritiene che la stagione dello shopping natalizio sarà indubbiamente caratterizzata da un massiccio utilizzo del mobile. Durante la scorsa campagna natalizia il traffico via smartphone ha per la prima volta in assoluto superato quello via desktop: il 52% di tutte le visite infatti è avvenuto da smartphone. In occasione della Cyber Week, poi, ha catturato il 53% di tutto il traffico (nel 2015 si è fermato al 44%), mentre la quota di ordini è passata dal 25% del 2015 al 31%. In occasione del Black Friday, la quota di ordini da dispositivo mobile ha raggiunto il picco negli orari compresi tra le 21.00 e le 22.00, rappresentando il 60% di tutte le transazioni in quel momento.

Ogni giorno dovrebbe essere Black Friday” dichiara Maurizio Capobianco, Regional Vice President per l’Italia, la Spagna e il Portogallo di Salesforce Commerce Cloud. “Per offrire sempre un’esperienza positiva ai clienti, è importante che ogni retailer sia sempre pronto a sostenere un picco nei volumi di traffico apportando alcune accortezze: adattando i risultati di ricerca del sito, aggiornando l’ottimizzazione per i motori di ricerca, dando vita a campagne e promozioni”.
Scarse prestazioni del sito, infatti, equivarrebbero a una perdita di acquisti.“Anche un secondo di ritardo nel caricamento della pagina può nuocere allo shopping” continua Maurizio Capobianco. “Implicherebbe il 7% in meno di conversioni, l’11% in meno di pagine visualizzate e il 16% in meno di soddisfazione degli acquirentiL’ottimizzazione dei propri servizi e una corretta strategia sono la base del successo di un retailer, sia durante il Black Friday che in una qualsiasi giornata di shopping” conclude.